Archivi del mese: febbraio 2014

Pane semintegrale con PM

Abbiamo ricevuto una splendida farina integrale dal nostro amico Stefano, recatosi da poco al mulino di Casalborgone. Non potevamo esimerci dal provare un semplice pane semintegrale.

Attrezzi:

  • Ciotola
  • Cucchiaio
  • Cucchiaino
  • Bilancia
  • Teglia

Tempi:

  • Per la preparazione della biga                 2 ore
  • Per l’impasto                                             20′
  • Per la lievitazione                                    8 ore
  • Per la cottura                                            45′

Ingredienti:

  • Farina integrale                  200 g
  • Farina 00                               200 g
  • Farina manitoba                200 g
  • Sale                                         1 cucchiaino raso
  • Acqua                                     350 g circa
  • Pasta madre                        2 cucchiai da minestra
  • Zucchero                               un pizzico
  • Olio                                          1 cucchiaio raso da minestra
  • Semi                                        a piacere

Modalità:

Preparare una biga con 2 cucchiai di pasta madre, 100 g di farina 00, zucchero , 150 g di acqua tiepida e pasta madre rinfrescata.

CAM00027

Mescolare e porre in un posto caldo e chiuso per due ore.

Aggiungere l’acqua tiepida e gradatamente le farine, il sale e infine l’olio. Mescolare e impastare fino ad ottenere un composto liscio.

CAM00028

Se l’impasto risultasse troppo umido o secco riequilibrare con farina o acqua. Noi abbiamo aggiunto una manciata di semi di papavero nell’impasto.

CAM00029

Porre a lievitare in un luogo tiepido e lontano da spifferi per almeno 8 ore circa, praticando  due piaghe a distanza di 3 ore ciascuna.

CAM00031

Porre sulla teglia in forno caldo e cuocere a 220° x 20′ e finire per 25′ circa a 180°.

CAM00054

CAM00055

Bugie ripiene

Le bugie ripiene sono una variante delle già gustose bugie fritte (vedi ricetta e videoricetta). Noi abbiamo fatto le bugie ripiene di Nutella e marmellata alle albicocche, ma siete liberi di provare ripieni diversi.

CAM00036

Attrezzi:

  • Ciotola
  • Bilancia
  • Cucchiaio
  • Pentolino per friggere
  • Coltello
  • Rotella
  • Matterello
  • Pellicola trasparente
  • Spianatoia
  • Carta assorbente
  • Colino

Tempi:

  • Per la preparazione dell’impasto           25′
  • Per il riposo della pasta                              2 ore circa
  • Per la cottura                                                  15′

Ingradienti:

  • Farina 00                400 g circa
  • Mezza bustina di lievito vanigliato chimico
  • Uova intere          2
  • Un pizzico di sale
  • Mezzo bicchiere di succo di limone
  • Burro                      50 g
  • Zucchero              70-80 g
  • Olio per friggere (semi)    q.b.
  • Zucchero a velo                  q.b.
  • Nutella o marmellata per il ripieno q.b.

Modalità:

Far sciogliere il burro e nel frattempo mescolare in una ciotola farina, zucchero, sale e lievito chimico. Aggiungere uova, burro e succo di limone gradatamente 

CAM00037

e mescolare fino ad ottenere un impasto morbido e liscio.

CAM00038

Qualora non fosse equilibrata la frazione umida o secca bilanciare con  farina o succo. Impastare, formare una palla e riporla a lievitare in frigo coperta da pellicola trasparente.

CAM00039

Successivamente spezzare la palla in più parti,

CAM00043

formare una sfoglia il più sottile possibile, badando che non si attacchi sulla spianatoia (porre poca farina tra i due).

CAM00044

Disporre sulla pasta piccole quantità di ripieno sufficientemente distanziati.

CAM00045

CAM00048

Potete porre un altro strato di pasta sopra o praticare un risvolto della pasta a coprire il ripieno.

Eliminare l’aria e chiudere la pasta aiutandosi con la rotella.

CAM00046

Mettere a scaldare l’olio, formare delle strisce con la rotella, praticando un taglio in centro.

CAM00049

 Friggere fino alla doratura e far asciugare sulla carta assorbente.

CAM00050

Cospargere zucchero a velo e servire.

CAM00052

Bugie semplici

 

E’ tempo di carnevale, non potevamo non mettere una semplice ricetta per il dolce tipico per questo periodo di festa. Le bugie o chiacchiere o galani o frappe, a seconda della regione di provenienza, sono un tipico dolce croccante ideale per le feste e i ritrovi con gli amici. Sono caratterizzate da ritagli di pasta dolce  che vengono fritti e cosparsi di zucchero a velo.

Attrezzi:

  • Spianatoia
  • Ciotola
  • Cucchiaio
  • Mattarello
  • Bilancia
  • Rorella o coltello
  • Pentolino per frittura
  • Piatti
  • Carta paglia o asorbente
  • Pellicola trasparente
  • Colino o setaccio per lo zucchero a velo

Ingredienti:

  • Farina 00                   500 g
  • Uova intere                 2
  • Zucchero                    70-80 g
  • Sale                              1 pizzico
  • Succo di un limone
  • Mezzo bicchiere di acquavite/grappa/acqua
  • Lievito vanigliato    mezza busta (8 g)
  • Burro                            80 g
  • Olio di semi
  • Zucchero a velo

Tempi:

  • Per la preparazione        20-25′
  • Per il riposo della pasta   1 ora
  • Per la cottura                      10′

Modalità:

In una ciotola versare gli ingredienti solidi (farina, lievito vanigliato, sale) e mescolare. Versare le uova intere, il burro (precedentemente fuso), il succo di limone e il mezzo bicchiere di acqua (o altri liquidi scelti). Mescolare ed impastare abbondantemente fino ad ottenere una palla liscia, abbastanza compatta e lavorabile. Qualora fosse asciutto l’impasto aggiungere liquidi (senza esagerare). Coprire con della pellicola e porre in frigo per almeno un’ora. Estrarre dal frigo, tagliare l’impasto in 4 porzioni, creare la sfoglia alta circa 1 mm. Utilizzando la rotella o il coltello fare dei ritagli a forma quadrata, rettangolare, romboidale (badando di praticare un taglio in centro) e friggere in abbondante olio bollente in un pentolino. La cottura è molto rapida, estrarre dall’olio non appena si vedrà la pasta dorata. Porre su un piatto ricoperto di carta assorbente e gustare ancora tiepide non appena risultino asciutte e dopo un’abbondante nevicata di zucchero a velo.